Scalea

A 20 km a sud di Praia a Mare, Scalea è un importante centro balneare della riviera dei Cedri. Su in collina, raggiungibile da una serie di gradinate, si trova il suo bellissimo centro storico, di origine Paleolitica, dove si possono ammirare resti di antiche mura e suggestivi vicoli stretti e tortuosi. 

Il mare cristallino e le belle spiagge, insieme a una ricca offerta di attività ricreative e sport di spiaggia e acquatici, hanno contribuito a renderlo un luogo di villeggiatura molto popolare.
Sul litorale è presente la scogliera dell’Ajnella, ricca di grotte e piccole baie, mentre la spiaggia si estende per chilometri verso sud ed è interrotta solo dall'imponente scoglio su cui si erge Torre Talao arroccata sul promontorio a dominare tutta la costa.
 

Cenni Storici

Scalea è una delle città più antiche della Calabria, posizionata tra la collina e la valle del fiume Lao a sud di Praia a Mare nell’alto Tirreno cosentino.

Il centro storico è dominato dai ruderi del Castello Normanno del XI° secolo, che fu costruito dai Normanni laddove sorgeva una rocca longobarda .Nel 1250 vi nacque Ruggiero di Loria che divenne grande ammiraglio della flotta angioina e aragonese; le sue gesta e la sua spiccata personalità colpirono anche la fantasia del Boccaccio che nel Decamerone, ricorda la sua figura e il suo paese natio. Il Castello per anni, fu dimora di molti feudatari, tra cui Guglielmo d’Altavilla. Alla fine del XVIII° secolo fu abbandonato e ben presto andò in rovina. Del Castello, ricostruito in epoca Angioina e Aragonese, avanzano i ruderi delle torrette, dei baluardi e del maschio centrale.

La parte moderna si estende lungo la costa. A partire dagli anni ’60, le case che costituivano il nucleo del vecchio borgo vennero progressivamente abbandonate e gli abitanti iniziarono a costruire nuovi edifici occupando la zona a ridosso del litorale. Scalea oggi è un rinomato centro turistico che ogni estate attira migliaia di turisti da tutte le parti del mondo.

La Torre Talao è il simbolo della città e lo scoglio sul quale si erge era un tempo una piccola isola le cui grotte furono abitate in epoca preistorica. Fu costruita nel XVI secolo, sotto il regno di Carlo V, a difesa dei territori dalle incursioni e faceva parte di un sistema di avvistamento lungo tutta la costa per difendersi dagli attacchi dei turchi. Dal terrazzo in cima alla torre si gode di un panorama incredibile, che abbraccia la lunghissima spiaggia che va dalla scogliera dell'Ajnella fino all'isola di Cirella.
Secondo Omero lo scoglio di Torre Talao vide il passaggio di Enea e di Ulisse e proprio nei pressi della torre morì Dragone, il compagno di Ulisse. 
Oltre la Torre Talao si possono visitare altri punti di interesse storico, artistico e monumentale, come il Palazzo dei Principi ed i ruderi affrescati delle Chiese Basiliane del IX secolo. 
Il Palazzo dei Principi venne costruito nel XIII secolo, probabilmente su una torre di difesa ad una delle porte di accesso al borgo. Fu dimora dei diversi feudatari e ospitò diversi illustri personaggi, come il letterato Giovanni Vincenzo Gravina, il poeta Pietro Metastasio e il filosofo Caloprese. A quel periodo appartengono preziosi affreschi barocchi che decorano il soffitto del salone principale. 
Attualmente il Palazzo è di proprietà del Comune e una delle sale della struttura ospita la Biblioteca Comunale. 

La patrona di Scalea, che si festeggia ogni anno il 16 luglio, è la Beata Vergine del Carmelo, la cui statua è custodita nella Chiesa Madre di Santa Maria d'Episcopio, nel cuore del centro storico. Altri solenne festeggiamento è riservato in onore della Madonna del Lauro, protettrice dei marinai, la cui statua è conservata nell'omonima cappella situata nel centro cittadino.
In entrambe le processioni sono presenti le tradizionali cinte votive, particolari telai in legno su cui vengono inserite delle candele decorate con nastri, e la caratteristica infiorata, quadri floreali ed immagini sacre disegnati sul manto stradale con segatura colorata.

Un pò di immagini

Attività e Dintorni